SELF PORTRAIT ( PERMUTATION#6 )

di Paola Lo Sciuto

Descrizione: Una forza invisibile attrae gli atomi di materia come fa una calamita con la limatura di ferro, l’essere umano appare nel mondo del visibile come un agglomerato di minerali tenuti insieme da una forza sottile, diviene e muta, si dà e si trasforma. Se questo è un ritratto di me, della mia essenza, ciò che sento più vero del processo creativo è il donare , movimento che si confonde con quello in continua evoluzione dell’universo e del cosmo. Donarsi senza chiedere niente. Essere in un atto sacro di partecipazione dell’umano all’universale.
postato il 2009-04-14 05:53:55

 

SELF PORTRAIT ( PERMUTATION#6 )ultima modifica: 2009-04-14T15:35:00+00:00da romaeuropawf
Reposta per primo quest’articolo

19 pensieri su “SELF PORTRAIT ( PERMUTATION#6 )

  1. molto in linea con gli ultimi 10 anni di incontri tra performance art e video arte.i tempi e la forma sono molto convincenti, ma putroppo non si distacca da una strada già battuta da tanti, per tante volte. soffre del difetto generale di tanti giovani lavori: la mancanza di originalità

  2. ***

    questo è un messaggio a tutti i finalisti:

    è ricominciata la meravigliosa tattica di dare 1 a random! ovviamente mi pare scontato che i responsabili di questa pratica siano i finalisti, i quali, però, hanno la pretesa di definirsi ARTISTI.
    ebbene, questo accanimento è ridicolo. io invito tutti ad astenersi da simili bassezze e da recuperare un po’ di dignità.

    giovanni schiavone
    oliodipietra
    http://www.myspace.com/officinaolocausti

  3. non vorrei sembrare retorico ma l’arte è emozione non creda che esista l’arte bella o brutta esiste l’arte che emoziona e quella che non emoziona e non tutti possono emozionarsi al cospetto di un lavoro artistico
    quindi penso che tutti quei giudizi negativi ma soprattutto gratuiti risultino ancora una volta il bisogno di qualcuno di ostentare il proprio essere mostrandosi ferocemente critico a tutti i costi quando per essere se stessi bisogna solo come dice l’artista donarsi senza chiedere nulla in cambio non è forse questa una piacevolissima emozione
    concludo e ancora una volta noto con grande rammarico che persone come per esempio sgarbi ancora riescono ad insegnare la loro totale negatività di essere umano
    a paola che non conosco posso dire che mi ha fatto vivere una piccola emozione e il mio spirito oggi ne ha giovato
    grazie

  4. “Se questo è un ritratto di me, della mia essenza, ciò che sento più vero del processo creativo è il donare , movimento che si confonde con quello in continua evoluzione dell’universo e del cosmo. Donarsi senza chiedere niente. Essere in un atto sacro di partecipazione dell’umano all’universale.”
    ..l’ho ripreso dalla sua descrizione…
    mai video più giusto in questi giorni..il sisma d’Abruzzo..mi permetta il giusto..donare senza chiedere, dare come atto di naturalezza e istinto primordiale..il dare ciò che abbiamo dentro e quindi pezzi di noi a qualcuno che pezzi di se stesso li ha persi..offrire senza indugio perche atto d’amore…

    mi sento di dirle grazie..dopo averlo visto ho sentito questo..
    forse perche collego ciò a me e a una parte di me che è lì in quella terra..
    grazie

    tania

  5. Ciao Paola,il tuo lavoro è semplicemente naturalmente vero… la bellezza si può cogliere solo nel donare… è una grande lezione per chi non “vede” più la sacralità e la vita in ciò che mandiamo giù o fagocitiamo con mero materialismo, anche in senso più ampio, metaforico.
    Grazie!

Lascia un commento