Avanguardie

Autore Oronzo Walter Greco

Descrizione Un fisico si allontana dal suo dipartimento dopo un esperimento di fusione fredda forse riuscito, in polemica con l’orientamento della facoltà in campo di politica nucleare…

postato il 2008-11-18 12:50:05

‘Avanguardie…di che? Con tanti problemi di retroguardia ancora aperti…’ e il professore si voltò dall’altra parte con una espressione quasi di disgusto.

Così aveva commentato gli ultimi ritagli di giornali che gli avevo portato fin lì, arrampicandomi al limite del bosco. Da quando, ormai più di un anno, se ne era andato dall’Università sbattendo la porta del rettorato in polemica con il consiglio di facoltà (portandosi dietro i risultati dell’ultimo esperimento di fusione fredda), non aveva più messo piede nel dipartimento di fisica, restando rintanato nel paese di montagna che aveva scelto come suo rifugio.

Avanguardieultima modifica: 2008-12-01T12:47:00+00:00da romaeuropawf
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “Avanguardie

  1. ecco, qualcuno che scrive del Nuovo, forse non buono se le avanguardie si rifugiano in montagna! cinque stelle per poter leggere tutto il racconto!

    @vitangelo:gravemente inopportuno è il tuo commento,anche gli adolescenti sanno cosa succede in italia in questi giorni col nucleare..informati che forse un reattore lo mettono AVANTI casa tua :-)ciao

  2. Maria, il testo è “postato il 2008-11-18 12:50:05”
    Sì che il tema è “una generazione avanti”, ma l’autore mica c’ha la palla di cristallo e sapeva che nell’ultima settimana di concorso di parlava di Belpaese Nucleare… il dramma è che stiamo leggendo uno che mette il punto focale della narrazione tra parentesi. Cioè siamo a Berlusconi che liquida l’elezione di Obama dicendo che è bello abbronzato…

  3. @jumpi4: no no, non ci siamo!forse se prima di commentare digitate fusione fredda… che “mica c’ha la palla di vetro” l’autore e sapeva che voi non sapevate :-)oppure fregatene no? cmq, leggendo i tuoi commenti qua e là ti facevo più curioso e attento…mah!che pure 5 stelle ti ho dato mannà!ciao

    ps la parentesi, secondo me, ha un suo perchè… manon te lo dico 🙂

  4. Ah mariado’, vedi che
    a) è scritto come un tema di seconda media
    b) non è che siccome l’autore ha inviato un incipit “d’attualità” allora è opportuno. E’ inopportuno, evidentemente, perché ha inviato una cosa che manca dei requisiti minimi letterari per essere presa in considerazione ad un concorso. E questo – vitangelo mi smentisca – mi pare di una evidenza solare.
    Ai votanti, evidentemente, meno. Ma d’altra parte il fatto che la mia provocazione stia ancora tra i primi 20 dimostra che la gente di letteratura ci capisce poco…

  5. senti ah jù, niente! non ci capiamo!sei disinformato quindi parli ad mentula canis o forse sei stato troppo qua dentro e ti sei rovinato l’orecchio e non afferri il senso, come un arpeggio, di una metafora sottile e precisa e non parlo solo per questo post… vabbè! chiudo qui che è lunga da scrivere e dubito che adesso tu sia ricettivo :-)bye

  6. Un po’ di considerazioni anche sul tuo incpit (scusa il ritardo con cui arrivano, spero faranno in tempo a essere utili, ho proceduto coi consigli in ordine di graduatoria):
    Hai un personaggio decisamente interessante, questo professore rintanato tra le montagne che ci ha provato, a sperimentare, ma ha rinunciato scontrandosi con le menti poco illuminate dei collehi.
    Per il resto c’è molto da lavorare. La storia ha tutte le potenzialità per coinvolgere, immagino tu sia consapevole del fatto che hai messo in gioco un materiale narrativo abbastanza “grosso” (un esperimento di fusione fredda, una specie di genio che “forse” è riuscito nell’impresa), perciò sarà una sfida non da poco non deludere il lettore che si aspetta un’evoluzione di queste tensioni “macro” in gioco.
    Per quel che riguarda la forma, ti consiglio di non esagerare con frasi complesse e difficili da gestire, come l’inizio di periodo che riporto qui sotto, pieno di subordinate e zeppo di gerundi. Evita, se puoi, la struttura “un inciso dentro l’altro” che ti costringe addirittura all’uso della parentesi, in modo da dare la giusta enfasi a tutti gli elementi contenutistici che utilizzi. Inoltre scegliere una sintassi semplice potrebbe essere d’aiuto per concentrarti sulla storia e sulla costruzione dei personaggi.

    “Da quando, ormai più di un anno, se ne era andato dall’Università sbattendo la porta del rettorato in polemica con il consiglio di facoltà (portandosi dietro i risultati dell’ultimo esperimento di fusione fredda),
    …”

    ancora buon lavoro!
    Linda

Lascia un commento