L’osservatore danzante su di un palco d’argilla

Autore Matteo Tibiletti

Descrizione Una visione malinconica ma al tempo stesso non del tutto negativa della generazione avanti… Scritta da Matteo Tibiletti

postato il 2008-09-30 02:18:01

LI OSSERVO’ BALLARE NUDI SU DI UN PALCO D’ARGILLA,MENTRE I PIEDI AFFONDAVANO E LE LORO GUANCE SI CONTORCEVANO IN SORRISI SURREALI. EGLI GUARDAVA QUELLA FOLLA RICONOSCENDO AD ESSA UNO STRANO POTERE IPNOTICO,UNA VOGLIA DI RIMANERE A GALLA,NONOSTANTE IL COSTANTE SPROFONDARE,DI MUSCOLI, PELLE,OSSA E CUORE.L’EMOZIONE GLI IMPEDIVA DI PARLARE,E LE NOTE ASSORDANTI DEGLI OTTONI E DELLE PERCUSSIONI BATTEVANO SULLE SUE TEMPIE COME UN MARTELLO.QUASI NON S’ACCORSE DEL SORRISO CHE LO AVEVA ORAMAI CONTAGIATO.LE SUE GAMBE, INCONSCIAMENTE AVEVANO PRESO VITA E MOVIMENTO.POCO IMPORTAVA A QUELL’UOMO CHE I SUOI PIEDI AVESSERO GIA’ DA UN PEZZO,COMINCIATO A SPROFONDARE.

L’osservatore danzante su di un palco d’argillaultima modifica: 2008-09-30T15:43:00+00:00da romaeuropawf
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “L’osservatore danzante su di un palco d’argilla

Lascia un commento