Il danno

Autore Agostino Acri

Descrizione Un uomo è il conto dei suoi rimorsi

postato il 2008-09-30 03:28:08

Un uomo è il conto dei suoi rimorsi. Quel conto, quel prezzo che non si smette di pagare, è come un lebbra in faccia, è il danno. Il danno è una luce negli occhi che riflette sul niente. Chi la possiede la riconosce negli altri. E’ il loro marchio, il segno d’appartenenza. Il danno da rimorso è una condanna senza redenzione. La luce del danno attrae e abbaglia gli esterni sino al passo successivo alla soglia dell’oblio. Chi è il conto dei suoi rimpianti è solo l’uomo che avrebbe potuto essere. Il danno da rimpianto è una condanna senza colpa.

Il dannoultima modifica: 2008-09-30T16:15:00+00:00da romaeuropawf
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Il danno

  1. Cioran mi pare esagerato 🙂

    Mah! Ripeti troppe volte “danno”.
    La ripetitività se ben utlizzata rende al testa una sorta di ridondanza … e questa a sua volta una musica.
    Ma qui … stoni.
    Cerca di ripulire…. di smellire, ecco.
    Ovvio e’ che il mio e’ il parere di una lettrice … fanne cio’ che meglio credi.

Lascia un commento